Home / Recensioni / Film 2013 / Oltre i confini del male – Insidious 2: la recensione del film e trailer
Oltre i confini del male – Insidious 2: la recensione del film e trailer
Oltre i confini del male – Insidious 2: la recensione del film e trailer

Oltre i confini del male – Insidious 2: la recensione del film e trailer

Per gli amanti del genere ecco in arrivo Oltre i confini del male – Insidious 2, sequel di Insidious.

Per genere intendiamo bambini che parlano con amici immaginari molto cattivi, possessioni, case infestate, famiglie sull’orlo di una crisi paranormale di nervi e tutto il repertorio.

Vi siete persi il primo Insidious? Nessun problema ecco un riassunto veloce per voi: la famiglia Lambert si trasferisce nella nuova casa e fila tutto liscio finchè il piccolo Dalton non finisce in coma per un incidente. La famiglia sospetta qualcosa d’inquietante e contatta una medium che afferma che il bambino sia un “viaggiatore astrale” capacità ereditata dal padre Josh tormentato da uno spettro quando era bambino e sostiene che anche il piccolo Dalton sia perseguitato dagli spettri e dai demoni. Josh decide di risvegliare la sua dote di viaggiatore per andare a cercare Dalton, riuscirà a liberarlo ed entrambi si sveglieranno. Ma Josh ha incontrato lo spettro che lo perseguitava che si è impadronito di lui. Josh posseduto uccide la medium.

Insidious 2 ricomincia da qui dopo un flash back su Josh da bambino e la medium scopriamo che la polizia sta conducendo delle indagini sulla morte di quest’ultima ma con scarso successo. La famiglia Lambert si trasferisce nuovamente sempre inseguita dallo spettro e la madre Renai deve cercare a tutti i costi di proteggere i suoi figli. Non riuscendoci contatta con l’aiuto di Lorraine, madre di Josh, un altro medium che conosceva la medium morta Elise. Questa in una seduta spiritica li conduce verso la verità sul misterioso spettro che si è impossessato di Josh. Lorraine capisce il pericolo che corre la sua famiglia ma cade insieme a Renai in un’imboscata tesa da Josh. Sarà Dalton a salvarli e a riutilizzare la sua dote di viaggiatore astrale per salvare suo padre intrappolato nell’altra dimensione. Nell’altra dimensione Josh tenta di liberarsi dello spettro che lo perseguita facendo i conti con ricordi che non sapeva di avere e l’aiuto dei medium. Riuscirà a salvarsi e salvare Dalton e la sua famiglia? Questo non ve lo dico (no, basta spoiler).

Si può dire con sicurezza che tutto sia esagerato in questo film dai giri iperbolici della trama che sembra davvero un po’ troppo complicata per un semplice film horror dalla trama banale e a dir poco confusionaria (fidatevi ve l’ho semplificata), alle inquadrature che vanno dallo sghembo allo sballottato, agli effetti sonori che predominano sulla musica e vi fanno voglia di gridare “abbassate il volume”. Ok come per ogni film horror la domanda saliente è: fa paura? Paura mi sembra una parola grossa, magari ansia, un po’ di tensione ma niente di che e in molti casi decisamente forzata. Si tratta pur sempre di una minestra riscaldata (volete che enumeri i film di case/persone possedute?) propinataci da James Wan, esatto lo stesso che ha creato quel film allucinante che è Saw di cui si dev’essere un pochino stancato visto che si sta mettendo ad esplorare altri lidi (ma la passione per i giocatoli meccanici resta). Insidious 2 non è esattamente il miglior film di Wan ma guardatelo se vi è piaciuto il primo altrimenti potete anche lasciar perdere.

Ma a voi è piaciuto il primo?

Lascia un commento. La tua opinione è importante!