Home / Recensioni / Film 2014 / Godzilla: trama, recensione e trailer
Godzilla: trama, recensione e trailer del film
Godzilla: trama, recensione e trailer del film

Godzilla: trama, recensione e trailer

E’ tornato il mostro gigante, kaijū, del cinema giapponese: Godzilla. Stavolta servito da Gareth Edwards, con protagonista Aaron Taylor-Johnson. Un reboot? Assolutamente sì. Un bel film? E’ da vedersi, intanto scopriamo la trama.

Godzilla: la trama del film

Oceano Pacifico 1954, in un luogo devastato dagli esperimenti nucleari made in USA dove viene avvistata una creatura leggendaria. Non potendolo sconfiggere si decide di nasconderlo ed insabbiare tutto con il progetto M.O.N.A.R.C.H.

Filippine 1999, un crollo in una miniera rivela un fossile dell’animale leggendario. Sul luogo intervengono due esperti della M.O.N.A.R.C.H., il professore Ichiro Serizawa e la sua assistente occidentale, la Dottoressa Wates. Scoprono anche due crisalidi contenenti i M.U.T.O, da una di queste è fuggita la creatura, che per nutrirsi di radiazioni nucleari s’è recata alla centrale nucleare giapponese della città di Janjira, vicino Tokyo.

Joe Brody, supervisore statunitense della centrale, si reca a lavoro con la moglie trascurando abbastanza il bambino Ford. Durante la routine lavorativa accade qualcosa che nessuno sa spiegare, un incidente intrappola e uccide la moglie di Joe.

Passati quindici anni Ford è un ufficiale dei Navy Seal, a sua volta si è sposato ed ha avuto un bambino. Nel mentre suo padre sta compiendo ricerche illecite per scoprire la verità sulla morte della moglie, o meglio su ciò che l’ha causata, ma viene arrestato. Ford va a prenderlo, in Giappone, e qui con il padre fa un’interessante scoperta.

Ichiro Serizawa è fermamente deciso a studiare la creatura ma questa improvvisamente si libera, attratta dai richiami dalla seconda creatura intrappolata nella crisalide. Non c’è più tempo, l’unico modo di annientare i M.U.T.O è svegliare Godzilla.

Esatto Godzilla, mostro spaventoso è l’eroe, questo perchè il regista voleva mantenersi il più fedele possibile all’originale. Di diverso in sostanza c’è questo Godzilla è molto più grande, molto più robusto ed anziché usare un getto di fuoco rosso usa un raggio blu contro i nemici.

Godzilla: la recensione del film

Molte scene adrenaliniche e drammatiche in questo Godzilla, la più drammatica ovviamente è quella in cui Joe vede morire la moglie e diciamo che una buona percentuale del film è costituita dal dramma familiare vissuto da Joe e suo figlio (la prima parte più o meno). Non è un fatto casuale, perchè il regista voleva specificatamente che il film non fosse solo uno spettacolo di devastazione, ma che avesse anche un risvolto umano.

La sceneggiatura di Godzilla è molto curata tuttavia il film risulta ugualmente opulento e ridondante nella seconda parte. Nonostante il regista abbia affermato di non aver voluto molti effetti speciali per gli ambienti ed in generale, il film trasuda soldi e voglia di stupire. Con una morale ovviamente: la sete di potere degli uomini prima o poi fa i conti con le forze misteriose della natura che essi non possono governare.

Buona prova per il cast, Watanabe è un grande come sempre. Bene anche Aaron Taylor-Johnson e Bryan Cranston, molto affiatati.

Non so voi, ma io ci ho visto molta attualità, pensiamo a Fukushima, ma anche ai grandi disastri naturali come gli tsunami.

Film non per tutti, più per appassionati del genere “mostri grandi grossi e cattivi”.

Qualcuno l’ha definito un blockbuster per tutta la famiglia, io non direi. Voi che ne pensate?

Godzilla: il trailer italiano

Lascia un commento. La tua opinione è importante!