Home / Recensioni / Film 2016 / Regali da uno sconosciuto – The Gift: trama, trailer e recensione
Regali da uno sconosciuto - The Gift: trama, trailer italiano e la recensione del film
Regali da uno sconosciuto - The Gift: trama, trailer italiano e la recensione del film thriller diretto da Joel Edgerton e con protagonisti Jason Bateman, Rebecca Hall e Joel Edgerton.

Regali da uno sconosciuto – The Gift: trama, trailer e recensione

Not every gift is welcome ovvero non tutti i regali sono benvenuti. Mettiamo che abbiate un segreto e che in questo segreto sia coinvolto qualcun altro. Non ne avete mai parlato e non avete mai rivisto quella persona. Eppure questa persona, quando ormai avete scordato tutto ricompare nella vostra vita e non vi molla un attimo. Cosa vuole? Ricattarvi? Rovinarvi? Aiuto? O solo perseguitarvi? Certo dev’esser un segreto bello grosso, bello pesante.

Mi piace la trama di questo film, “Regali da uno sconosciuto – The Gift”: due compagni di liceo si ritrovano dopo tanto tempo ma uno diventa molto appiccicoso tanto da diventar una minaccia. L’altro, non ha mai raccontato alla moglie del segreto condiviso con quel compagno di liceo riapparso dal nulla. Se fosse un libro l’avrei già comperato. Invece è un film e son proprio curiosa di sapere cosa c’è dietro questo misterioso segreto.

Regali da uno sconosciuto – The Gift: la trama del film

Simon e Robyn sono una giovane coppia spensierata si è appena trasferita in una bella casa, in un nuovo quartiere. Mentre sono in giro a far spese, Simon viene fermato da un uomo che lo riconosce: è un vecchio compagno di liceo. Sulle prime Simon non lo riconosce, poi si ricorda è Gordon, i due scambiano quattro chiacchiere amichevoli, Simon gli presenta la moglie e si lasciano con la promessa di sentirsi di nuovo.

Qualche giorno dopo arriva a casa della coppia una bottiglia di vino, è un regalo di Gordon. Ma i due non lo contattano.

Gordon non tarda nuovamente a farsi vivo, con nuovi regali e Robyn lo invita in casa, giusto che c’è rimane per certa. Stranamente Simon sembra diffidente anche se in modo educato e Gordon sembra sparlare più del caso, sotto la sua amicizia e le sue belle parole si avverte un fondo di amarezza. Si scopre che Gordon è stato un militare e nella vita ha fatto un po’ di tutto ma non è stato fortunato come Simon nell’aver successo nel lavoro, trovarsi una bella moglie ed avere una bella casa.

Gordon continua a lasciare regali e a presentarsi quando Simon non è in casa e Simon continua ad esser diffidente non riesce a capire dove vuole arrivare.

Una sera Simon e Robyn vengono invitati a cena da Gordon, che dopo una telefonata li molla da soli dicendo che si tratta di una cosa urgente che riguarda il lavoro e che tornerà subito. Ma dietro questo piccolo particolare si celano non poche bugie. Simon affronta Gordon ed alla coppia iniziano a succedere cose strane.

Robyn inizia ad avere attacchi di panico e a sentirsi perseguita, poi incontra un’ex compagnia di liceo del marito e di Gordon che le rivela un pesante fatto che lo riguardò proprio ai tempi del liceo…

Regali da uno sconosciuto – The Gift: il trailer ufficiale

Regali da uno sconosciuto – The Gift: la recensione del film

Mi piace molto la tensione che si sviluppa sin dall’inizio del film, goccia dopo goccia. E’ una macchia scura che piano piano si allarga e avviluppa i protagonisti e le situazioni.

Una tranquilla cena fra ex compagni di liceo, ma Simon è freddo, rigido sembra dire “Ok Gordon, sei qui sei felice per me ma cosa vuoi davvero?” e Gordon evidenzia il fatto che i due hanno forse qualche problema ad aver figli e questo innesca un inizio di tensione. S’intuisce che qualcosa non va fra i due.

In seguito Gordon continua a comparire e d’improvviso scopriamo che c’è stato qualcosa nel loro passato che li ha condizionati e per cui Gordon si comporta in un certo modo.

La tensione e l’ansia sono ben dosate anche se in realtà, fino alla fine, non se ne capisce il motivo, dirlo in ogni caso equivarrebbe ad uno spoiler.

Alla fine in “Regali da uno sconosciuto – The Gift” non succede niente di davvero eclatante, se si esclude la fine in cui davvero a poco dai titoli di cosa scopriamo cosa ha fatto Gordon, se lo ha fatto davvero ma soprattutto il perché di tutto questo.

La vera vittima in tutto ciò è Robyn preda della paura e poi vittima di vecchi rancori.

La storia è buona di partenza ma mi aspettavo un thriller migliore, maggiormente caratterizzato, ricco, ambiguo invece mi ha lasciato un po’ perplessa. La fine è un punto interrogativo, che in linea di massima non mi piace molto, preferisco i finali chiusi non quelli aperti dove forse è successo o forse no, dove forse a Robyn verrà detta la verità o forse no. Insomma la resa è un po’ banale.

Buon cast e buona tensione, ma non particolarmente adatto a coloro che amano i thriller puri, quelli con assassini, misteri etc etc. Quindi il mistero ci viene svelato praticamente a metà film, anche se il finale non è facilmente intuibile.

Un indizio: not every gift is welcome, Robyn ha ricevuto il regalo che desiderava, ma forse, e sottolineo forse, non nel modo in cui se lo aspettava e Simon, inizialmente contento, scopre che forse non ha davvero molti motivi per esserne felice. Per svelare il mistero del regalo, The gift, dovrete guardare il film.

Fatemi sapere il vostro parere su Regali da uno sconosciuto – The Gift ok?

Lascia un commento. La tua opinione è importante!