Home / Recensioni / Film 2013 / Hunger Games – La ragazza di fuoco: la recensione del film e trailer
Hunger Games – La ragazza di fuoco: la recensione del film e trailer
Hunger Games – La ragazza di fuoco: la recensione del film e trailer

Hunger Games – La ragazza di fuoco: la recensione del film e trailer

Non si dovrebbe paragonare un film ad un libro, lo so, ma in questi casi quando si ha a che fare con delle saghe di fama mondiale è inevitabile. Ero indecisa a dir la verità se andarlo a vedere o no perchè il primo non mi ha molto convinto l’avevo trovato poco coinvolgente e rispetto al libro troppo distaccato. Infine mi son decisa ieri ad andarci con mio marito che non conosceva la saga ma che si è appassionato volendo pure sapere come va a finire (non lo so, sono all’inizio del terzo libro “Il canto della rivolta”). Dunque si effettivamente sapevo già tutto ed infatti quello che cercavo era un po’ di emozione, volevo lasciarmi affascinare dalla trasposizione nel grande schermo della bellissima avventura che Suzanne Collins ha saputo così brillantemente creare su carta.

Katniss e Peeta sono sopravvissuti dunque, sono stati dichiarati vincitori degli Hunger Games, vivono ancora nel distretto 12 ma la loro adesso è una vita di privilegiati. Un giorno Katniss, che si appresta a partire per il tour della vittoria fra i distretti con Peeta, riceve la visita del presidente Snow che le svela di non essersi bevuto la storia dell’amore fra lei e Peeta e le mostra una scena svoltasi poco prima nei boschi di lei che bacia Gale facendo così scoprire a Katniss di essere sorvegliata. Il presidente Snow vuole essere convinto da lei durante il tour dei vincitori che la storia d’amore con Peeta sia reale e che lei non sia una sovversiva, una che tenta di minare l’autorità di Capitol City ma che anzi sia dalla loro parte facendo distrarre il popolo dai problemi reali e dalle idee di ribellione. Ma il popolo non sembra disposto ad accettare questa Katniss dimessa, taciturna ed obbediente. Durante la serata a palazzo per festeggiare i vincitori dei 74 Hunger Games il presidente Snow fa chiaramente capire a Katniss che non è riuscita nella sua missione, cioè non l’ha convinto. Katniss vuole prendere la sua famiglia e fuggire, lo dice a Gale ma il ragazzo vuole prendere parte alla rivolta. Katniss resta e scopre durante una diretta tv che il presidente Snow sta attuando il suo piano per distruggerla: l’edizione numero 75 degli Hunger Games (The Quarter Quell) si disputerà fra i vincitori delle passate edizioni. Quindi lei e Peeta sono di nuovo in gara. Katniss fugge ma poi si ricorda che il suo presunto fidanzato ha sentito la medesima notizia e lo va a cercare trovando invece Haymitch ed informandolo di voler stringere un patto con lui. Dunque inizia il rituale degli Hunger Games: la mietitura, l’addestramento, il tour ed infine l’ingresso nell’arena. Stavolta sarà molto più difficile per Katniss e Peeta che dovranno fronteggiare degli assassini, dovranno trovare degli alleati in grado di aiutarli sul serio e dovranno sopravvivere all’arena con la consapevolezza che il presidente Snow li vuole morti. Ma dovranno anche affrontare le proprie paure e fare delle scelte, il tutto mentre sciolgono l’enigma dell’arena. Katniss non si fida più di nessuno ma fa bene? Chi è davvero il suo nemico?

Come descriverlo in breve? Un’ondata di adrenalina. Hunger Games – La ragazza di fuoco mi è piaciuto visivamente ed anche per come è stato impostato ovvero si è cercato di renderlo il più fedele possibile alla storia pur sempre con qualche taglio ovviamente.

Durante lo svolgimento dell’azione dell’arena devo dire che sono stati apportati un po’ troppi tagli che credo fossero indispensabili per intuire l’evolversi della cosa per chi già non avesse letto il libro (per intenderci Finnick e gli aiuti di Haymitch, chi ha letto il libro ha compreso) diciamo che il tutto è stato un po’ sbrigativo ma del resto erano già trascorse due ore e un quarto e non si poteva eguagliare la durata del Signore degli Anelli. Ho trovato Jennifer Lawrence meno appassionata della Katniss del libro, più fredda e più eroina; esagerata la “storia d’amore” con Gale che non esiste perchè Katniss non è innamorata e Peeta mi sembrava perfetto.

Voi siete andati a vederlo? Vi è piaciuto? Fatecelo sapere!

Lascia un commento. La tua opinione è importante!